TCPA: le domande di un neofita al servizio della collettività

Ho avuto un piacevole scambio di e-mail sull’argomento TCPA, con il Sig. Alessandro Bottoni nella mailing list di no1984.org, e siccome credo possa essere utile e informativo per tutti, posto la discussione integralmente:

a. Buona sera, sono solo pochi giorni che seguo il dibattito su questa ML e ci sono arrivato attraverso il sito www.alessandropagano.net, se mi è concesso vorrei chiedere alcuni chiarimenti…

Ciao Athos e ben arrivato. Provo a risponderti qui di seguito.

a. La CPU e la ram fanno parte dell’hardware, quindi, se non ho capito male, il tcpa verrebbe implementato nel software interno alla cpu quindi strettamente collegato all’hardware. Ho sentito dire che possono esserci controlli remoti sul mio pc: se non sono collegato ad internet, sono libero da qualsiasi interferenza del tcpa.

No, non sarà necessario avere una connessione di rete per “godere” dei servizi del TC. Più esattamente, il TC è stato concepito proprio per poter mettere in atto su una macchina stand-alone (staccata dalla Rete) il tipo di controllo crittografico che è già possibile mettere in atto oggi quando si ha a disposizione un server per la gestione delle chiavi
(come il vecchio Flex che ormai nessuno usa più). In un certo senso, il Fritz Chip (TPM) che viene saldato sulla motherboard agisce nello stesso modo di un server di chiavi Flex: fornisce ad ogni utente (essere umano, programma o macchina che sia) le chiavi di accesso a documenti e programmi sulla base di una serie di criteri stabiliti a priori.

Fisicamente, il TC è composto da (almeno) un elemento HW ed uno SW: – l’elemento HW è un piccolo chip, chiamato TPM o Fritz Chip, che viene saldato sulla motherboard. Questo aggeggio memorizza le chiavi di codifica/decodifica usate per cifrare/decifrare documenti e programmi e fornisce una implementazione HW (molto veloce) di alcuni protocolli di cifratura/decifratura molto diffusi (come DES ed RSA). – l’elemento SW è composto da un Sistema Operativo (Windows Vista) dotato dei driver necessari per pilotare il chip TPM e da una serie di programmi che ne facciano uso (MS Office 2008) . I programmi non-TC continuano a funzionare ignorando la presenza del TPM. Nascono problemi solo se si tenta di accedere a documenti o programmi protetti dal TC usando programmi non-TC oppure programmi TC dotati delle “credenziali” sbagliate.

Tutti i programmi attualmente esistenti continueranno a funzionare al 100% su macchine TC. Come ho detto, il problema della compatibilità TC si pone solo se si tenta di accedere a documenti o programmi protetti dal sistema TC (per scelta del loro produttore) usando un programma che non è in grado di identificarsi in modo corretto presso il TPM e quindi di ottenere le credenziali necessarie ad accedere a questi materiali protetti.

I problemi di compatibilità di Linux, OpenOffice ed altri programmi con TC sono dovuti ad un altro aspetto di TC: proteggendo con tecniche TC i documenti (ad esempio un file MP3) si obbliga l’utente ad usare uno specifico programma per accedervi (ad esempio RealPlayer). Questo programma a sua volta impedisce all’utente di fare cose non gradite al produttore (come le copie abusive). Tutto questo taglia fuori dal mercato i programmi alternativi (in questo caso i vari MP3 player “open source”) e crea problemi alla libera concorrenza.

a. Riferendomi a quanto polemizzato nelle precedenti e-mail se trattare il problema anche sotto il profilo politico o limitarsi al solo aspetto tecnico, la mia opinione è che purtroppo non si può slegare la libertà dalla politica e quindi nemmeno “dai rossi e dai neri”: se una frangia è per i monopoli, per le multinazionali per lo sfruttamento dei propri simili: io mi schiero dall’altra parte…

La posizione degli schieramenti è diversa da quello che ci si potrebbe aspettare: a tutt’oggi “nessuno” schieramento politico si è ancora dichiarato contrario al TC (od ai DRM, od alle intercettazioni in rete e via dicendo…). Solo la “gente comune” si è schierata contro questi soprusi.

La mia personalissima speranza è quella di far entrare questi temi (TC, DRM, etc.) nella “agenda politica” dei partiti che, almeno a parole, difendono i diritti civili e la democrazia. Sul fatto che si possa ottenere l’appoggio, anche solo formale, da parte degli “altri” partiti, non mi faccio molte illusioni. Naturalmente, si tratta della mia personalissima opinione e potrei benissimo sbagliarmi.

Il problema risiede nel fatto che una parte di questi politici “tiene” per le multinazionali che hanno inventato questa roba e che l’altra parte di politici è troppo spesso disponibile a “vendersi” per una sporta di prugne. Per questo è mecessario che la “gente” sia informata di questo mercimonio e, se possibile, insorga contro di esso.

Alcuni link per approfondire la questione sull’argomento TCPA:

http://www.dataretentionisnosolution.com/index.php?lang=it

http://www.againsttcpa.com/tcpa-hardware.html

http://www.againsttcpa.com/index.shtml

http://www.no1984.org/

http://italy.peacelink.org/editoriale/articles/art_13148.html

http://www.alessandropagano.net/notcpa.html

http://www.no1984.org/Trusted_Computing_movie

Autore: AthosGualazzi@alessandropagano.net

aleko | 20 dicembre 2005
  • pat98usb 17 marzo 2006 at 1:06
    Guerra mondiale a causa dei computer ? Di solito sono pessimista e catastrofico ma oltre a Palladium NGSCB DRM faccio notare due o tre cose . 1) Un produttore a caso (ex pc ibm) ora cinese non ha aderito . Forse per il secondo motivo? 2) In Cina e Taiwan sono stanchi di pagare diritti software e altri che gravano di 20 dollari un misero Dvd player che viene venduto si e no a 30 dollari. 3) La tecnologia Hi-Tech cinese scavalchera’ l’ Europa entro il 2010 e di li a poco quella Americana e Giapponese. Vedi sotto 4) Questo perche' nel 2010 non vogliono il pulsante che spegne tutti i computer in Cina . 5) Dopo di che il mondo finisce nel 2012 come dicono i Maya o succede la famosa quarta o quinta guerra mondiale.

Rispondi

ContattamiContattami

SCRIVIMI

DOVE TROVARMI

Sul web

Mail

aleko21@gmail.com
alessandro.pagano@osel.it
aleko@fsfe.org
aleko21@outlook.com

Phone

(+39) 3391354376

SCRIVIMI!

Il tuo nome (richiesto)

La tua mail (richiesto)

Oggetto

Messaggio

ServiziServizi

AREE DI COLLABORAZIONE

Le competenze, la professionalità ed il network sviluppato in questi anni sono stati solo il punto di partenza per differenti progetti di successo in diverse aree professionali.

Web Design

Realizzazione e cura di portali web innovativi e ad elevato impatto. Consulenza e sviluppo di soluzioni web personalizzate per qualsiasi settore. Design, implementazione, aggiornamento, promozione ed esercizio di portali web.

Formazione

Realizzazione di interventi formativi efficaci gestibili in presenza ed in modalità e-learning in diversi campi dell’Information Technology e delle Soft Skills.

Consulenza

Consulenza personalizzata su soluzioni ICT per massimizzare efficacia ed efficienza all’interno di qualsiasi organizzazione.

About MeAbout Me

Research, e-learning, Web, ICT

Ho conseguito il PhD in Informatica e la Laurea Magistrale in Economia presso l’Università degli Studi di Bari. Attualmente sono impegnato in diversi progetti di ricerca internazionali e ricopro il ruolo di manager della produzione di Osel s.r.l. : azienda che si occupa di Innovazione della didattica e e-learning. Sono docente di Informatica a contratto a Bari (Uniba) e a Roma (LUMSA).

MY STORY

  • 0%
    Web, HTML5, WordPress, CMS
  • 0%
    Open Source - Gnu/Linux
  • 0%
    e-learning
  • 0%
    Information Systems
  • 0%
    ICT Consultancy

WHAT I KNOW

  • 0%
    Teamworking
  • 0%
    Time & Stress Management
  • 0%
    Teaching
  • 0%
    Research
  • 0%
    Passion

WHO I AM

BlogBlog

mi esprimo con l'estremità del mio pensiero...
Risolvere il problema notifiche su dispositivi Xiaomi con Miui8

Dopo l’acquisto dello Xiaomi Mi Max 2 ho provveduto ad effettuare le prime configurazioni ed ottimizzazioni per un uso più “occidentale” del terminale. In questa guida vedremo come abilitare le notifiche delle nostre applicazioni preferite in modo che possano ignorare le strette policy di controllo ed ottimizzazione batteria/memoria della Miui8.

Xiaomi China Stable – Come installare le Google Apps su MIUI8 e Android 7 Nougat

Stamattina è arrivato finalmente il tanto atteso Xiaomi Mi max 2 (scheda tecnica qui) e, dopo la consueta febbre da unboxing, mi sono cimentato nelle solite impostazioni/ripristino account e applicazioni. Operazione che grazie a MiCloud, il servizio di Xiaomi che permette di salvare tutte le app e le impostazioni, diventa ancora più semplice e veloce. Il telefono in questione ha a bordo l’ultima Rom China Stable con MIUI8 e Android 7.1.1

Nel caso di specie, l’ultimo backup era stato fatto sul mio precedente Mi Max e quindi credevo filasse tutto liscio. Non avevo considerato che la versione di Android è passata dalla 6 alla 7. Dopo il trasferimento dei dati, quindi, ho constatato con rammarico che le applicazioni Google (in primis il Play Store) erano inutilizzabile. Al tentativo di creare un account la schermata google recita un messaggio in loop “Checking info…” Ho provato allora a disinstallare e reinstallare tutte le applicazioni google, sia tramite APK, sia tramite lo store cinese. Dopo ore ed ore di tentativi mi sono imbattuto in un ottimo post sul forum ufficiale MIUI che ha risolto il problema e mi ha permesso di installare e soprattutto far funzionare, tutte le app ed i servizi Google.

Non mi resta quindi che entrare nel merito della guida.

Step1 – Eseguire il download di questo archivio di Backup ed estrarlo all’interno nella cartella

/Internal Shared Storage/MIUI/backup/

all’interno di questa cartella, quindi, dovrà esserci una ulteriore cartella con “AllBackup”. Rispettare questo albero delle directory in questa fase è molto importante per permettere al sistema di ripristinare correttamente il backup.

 

Step2 – Eseguire il restore entrando nel menu e seguendo i seguenti tap:

Settings > Additional Settings > Backup and Reset > Local Backups > Mar24, 8:05PM (161MB, 12 app data files) > Restore

 

Step3 – Abilitare i permessi. Entrare nell’applicazione “Security” e cliccare su Permissions“. Abilitare l’autostart e tutti i permessi per le applicazioni appena installate. Al termine, riavviare il dispositivo.

Step 4 – Lanciare Google Play Store. Tutto dovrebbe avviarsi senza problemi. (Qualcuno ha segnalato un crash al primo avvio che è possibile bypassare semplicemente cliccando su “continua”). Aggiungete ora il vostro account!

Spero che questa guida possa esservi stata utile per i vostri dispositivi Xiaomi con Rom China Stable.

Recensione Huawei P8

Vediamo oggi come si comporta il Huawei P8 che ho avuto la possibilità di testare per un mese, grazie ad un contest organizzato da Huawei. Cercherò di riassumere la mia esperienza d’uso attribuendo dei voti alle relative categorie.

International Open Data Day – Bari 2014

Il 22 febbraio 2014 dalle ore 10 alle ore 18 si terrà l’International Open Data Day presso il padiglione dei Cineporti di Puglia – c/o Fiera del Levante. Come per il 2013 Bari ospiterà l’edizione locale di questa giornata in cui, a livello internazionale, le comunità di persone che si occupano di Open Data si radunano a livello locale per presentare i propri progetti, parlare delle iniziative già svolte, programmare quelle future. Obiettivo non secondario è quello di proporre la cultura dei dati aperti ad un nuovo pubblico.

Salviamo un progetto: Tuxfeed

Tuxfeed.it è stato per anni un punto di riferimento per tutti gli appassionati del sistema operativo Open Source più famoso del mondo: Linux.
Per anni Tuxfeed.it, progetto completamente gratuito, basato sugli sforzi di (pochi) utenti volontari, ha aggregato diverse centinaia di fonti, sempre aggiornate, per rendere aggiornati a più di 5.000 di visitatori ogni giorno.

AndroidPIT: Fill up your Mobile.

Vorrei segnalare una iniziativa lodevole riguardo il mondo Android: il portale AndroidPIT.

AndroidPIT può divenire in breve tempo un punto di riferimento per quanto riguarda il mondo Android, in quanto permette agli utenti di accedere agevolmente a news sempre aggiornate.
La specialità di questo portale sono le applicazioni: cuore pulsante di ogni dispositivo mobile. Di seguito una breve recensione.

Volunia: fallimento annunciato?

Ieri Massimo Marchiori, ricercatore padovano autore di HyperSearch, uno degli algoritmi utilizzati da Google, ha lanciato la sua sfida al mondo dei motori di ricerca con l’obiettivo di apportare importanti innovazioni. Il nome del progetto è Volunia.

Installing YamiPod on Linux: a multi-platform, very versatile iPod Manager

YamiPod is a freeware application to efficiently manage your iPod on Linux. It can be run directly from your iPod and needs no installation. It also has extra features such as rss news and podcast support, remove duplicates, easy notes editor (with multipage support), songs synchronization, playlists export, a built in music player and much more. It has been translated in 12 languages.

Ace Manager Recruiting Game

Nel mondo dei social network e del lifestream totale su internet, non potevano mancare dei metodi alternativi di recruitment da parte delle aziende con alto tasso di informatizzazione e propense a politiche di buzz marketing. Oggi voglio sottoporre all’attenzione dei miei lettori più giovani, il contest della BNP che riguarda un Recruiting game a cui possono partecipare Laureati e Laureandi con età inferiore ai 26 anni.

Lg Optimus: più Android per tutti! (e un intruso…)

Da quando Google ha lanciato il suo sistema operativo per piattaforma mobile, molte case produttrici si sono affacciate sul mercato proponendo modelli più o meno validi di telefonini con il sistema operativo Android.

Qualche tempo fa, vi ho raccontato la mia esperienza positiva con l’androide di casa Motorola. Da quel giorno, dopo HTC e Motorola, le altre aziende sul mercato (tranne Nokia che è rimasta fedele a Symbian e a Maemo) hanno proposto soluzioni Android. All’appello non poteva mancare LG.

ContattamiContattami

SCRIVIMI

DOVE TROVARMI

Sul web

Mail

aleko21@gmail.com
alessandro.pagano@osel.it
aleko@fsfe.org
aleko21@outlook.com

Phone

(+39) 3391354376

SCRIVIMI!

Il tuo nome (richiesto)

La tua mail (richiesto)

Oggetto

Messaggio

ServiziServizi

AREE DI COLLABORAZIONE

Le competenze, la professionalità ed il network sviluppato in questi anni sono stati solo il punto di partenza per differenti progetti di successo in diverse aree professionali.

Web Design

Realizzazione e cura di portali web innovativi e ad elevato impatto. Consulenza e sviluppo di soluzioni web personalizzate per qualsiasi settore. Design, implementazione, aggiornamento, promozione ed esercizio di portali web.

Formazione

Realizzazione di interventi formativi efficaci gestibili in presenza ed in modalità e-learning in diversi campi dell’Information Technology e delle Soft Skills.

Consulenza

Consulenza personalizzata su soluzioni ICT per massimizzare efficacia ed efficienza all’interno di qualsiasi organizzazione.

About MeAbout Me

Research, e-learning, Web, ICT

Ho conseguito il PhD in Informatica e la Laurea Magistrale in Economia presso l’Università degli Studi di Bari. Attualmente sono impegnato in diversi progetti di ricerca internazionali e ricopro il ruolo di manager della produzione di Osel s.r.l. : azienda che si occupa di Innovazione della didattica e e-learning. Sono docente di Informatica a contratto a Bari (Uniba) e a Roma (LUMSA).

MY STORY

  • 0%
    Web, HTML5, WordPress, CMS
  • 0%
    Open Source - Gnu/Linux
  • 0%
    e-learning
  • 0%
    Information Systems
  • 0%
    ICT Consultancy

WHAT I KNOW

  • 0%
    Teamworking
  • 0%
    Time & Stress Management
  • 0%
    Teaching
  • 0%
    Research
  • 0%
    Passion

WHO I AM

BlogBlog

mi esprimo con l'estremità del mio pensiero...
Risolvere il problema notifiche su dispositivi Xiaomi con Miui8

Dopo l’acquisto dello Xiaomi Mi Max 2 ho provveduto ad effettuare le prime configurazioni ed ottimizzazioni per un uso più “occidentale” del terminale. In questa guida vedremo come abilitare le notifiche delle nostre applicazioni preferite in modo che possano ignorare le strette policy di controllo ed ottimizzazione batteria/memoria della Miui8.

Xiaomi China Stable – Come installare le Google Apps su MIUI8 e Android 7 Nougat

Stamattina è arrivato finalmente il tanto atteso Xiaomi Mi max 2 (scheda tecnica qui) e, dopo la consueta febbre da unboxing, mi sono cimentato nelle solite impostazioni/ripristino account e applicazioni. Operazione che grazie a MiCloud, il servizio di Xiaomi che permette di salvare tutte le app e le impostazioni, diventa ancora più semplice e veloce. Il telefono in questione ha a bordo l’ultima Rom China Stable con MIUI8 e Android 7.1.1

Nel caso di specie, l’ultimo backup era stato fatto sul mio precedente Mi Max e quindi credevo filasse tutto liscio. Non avevo considerato che la versione di Android è passata dalla 6 alla 7. Dopo il trasferimento dei dati, quindi, ho constatato con rammarico che le applicazioni Google (in primis il Play Store) erano inutilizzabile. Al tentativo di creare un account la schermata google recita un messaggio in loop “Checking info…” Ho provato allora a disinstallare e reinstallare tutte le applicazioni google, sia tramite APK, sia tramite lo store cinese. Dopo ore ed ore di tentativi mi sono imbattuto in un ottimo post sul forum ufficiale MIUI che ha risolto il problema e mi ha permesso di installare e soprattutto far funzionare, tutte le app ed i servizi Google.

Non mi resta quindi che entrare nel merito della guida.

Step1 – Eseguire il download di questo archivio di Backup ed estrarlo all’interno nella cartella

/Internal Shared Storage/MIUI/backup/

all’interno di questa cartella, quindi, dovrà esserci una ulteriore cartella con “AllBackup”. Rispettare questo albero delle directory in questa fase è molto importante per permettere al sistema di ripristinare correttamente il backup.

 

Step2 – Eseguire il restore entrando nel menu e seguendo i seguenti tap:

Settings > Additional Settings > Backup and Reset > Local Backups > Mar24, 8:05PM (161MB, 12 app data files) > Restore

 

Step3 – Abilitare i permessi. Entrare nell’applicazione “Security” e cliccare su Permissions“. Abilitare l’autostart e tutti i permessi per le applicazioni appena installate. Al termine, riavviare il dispositivo.

Step 4 – Lanciare Google Play Store. Tutto dovrebbe avviarsi senza problemi. (Qualcuno ha segnalato un crash al primo avvio che è possibile bypassare semplicemente cliccando su “continua”). Aggiungete ora il vostro account!

Spero che questa guida possa esservi stata utile per i vostri dispositivi Xiaomi con Rom China Stable.

Recensione Huawei P8

Vediamo oggi come si comporta il Huawei P8 che ho avuto la possibilità di testare per un mese, grazie ad un contest organizzato da Huawei. Cercherò di riassumere la mia esperienza d’uso attribuendo dei voti alle relative categorie.

International Open Data Day – Bari 2014

Il 22 febbraio 2014 dalle ore 10 alle ore 18 si terrà l’International Open Data Day presso il padiglione dei Cineporti di Puglia – c/o Fiera del Levante. Come per il 2013 Bari ospiterà l’edizione locale di questa giornata in cui, a livello internazionale, le comunità di persone che si occupano di Open Data si radunano a livello locale per presentare i propri progetti, parlare delle iniziative già svolte, programmare quelle future. Obiettivo non secondario è quello di proporre la cultura dei dati aperti ad un nuovo pubblico.

Salviamo un progetto: Tuxfeed

Tuxfeed.it è stato per anni un punto di riferimento per tutti gli appassionati del sistema operativo Open Source più famoso del mondo: Linux.
Per anni Tuxfeed.it, progetto completamente gratuito, basato sugli sforzi di (pochi) utenti volontari, ha aggregato diverse centinaia di fonti, sempre aggiornate, per rendere aggiornati a più di 5.000 di visitatori ogni giorno.

AndroidPIT: Fill up your Mobile.

Vorrei segnalare una iniziativa lodevole riguardo il mondo Android: il portale AndroidPIT.

AndroidPIT può divenire in breve tempo un punto di riferimento per quanto riguarda il mondo Android, in quanto permette agli utenti di accedere agevolmente a news sempre aggiornate.
La specialità di questo portale sono le applicazioni: cuore pulsante di ogni dispositivo mobile. Di seguito una breve recensione.

Volunia: fallimento annunciato?

Ieri Massimo Marchiori, ricercatore padovano autore di HyperSearch, uno degli algoritmi utilizzati da Google, ha lanciato la sua sfida al mondo dei motori di ricerca con l’obiettivo di apportare importanti innovazioni. Il nome del progetto è Volunia.

Installing YamiPod on Linux: a multi-platform, very versatile iPod Manager

YamiPod is a freeware application to efficiently manage your iPod on Linux. It can be run directly from your iPod and needs no installation. It also has extra features such as rss news and podcast support, remove duplicates, easy notes editor (with multipage support), songs synchronization, playlists export, a built in music player and much more. It has been translated in 12 languages.

Ace Manager Recruiting Game

Nel mondo dei social network e del lifestream totale su internet, non potevano mancare dei metodi alternativi di recruitment da parte delle aziende con alto tasso di informatizzazione e propense a politiche di buzz marketing. Oggi voglio sottoporre all’attenzione dei miei lettori più giovani, il contest della BNP che riguarda un Recruiting game a cui possono partecipare Laureati e Laureandi con età inferiore ai 26 anni.

Lg Optimus: più Android per tutti! (e un intruso…)

Da quando Google ha lanciato il suo sistema operativo per piattaforma mobile, molte case produttrici si sono affacciate sul mercato proponendo modelli più o meno validi di telefonini con il sistema operativo Android.

Qualche tempo fa, vi ho raccontato la mia esperienza positiva con l’androide di casa Motorola. Da quel giorno, dopo HTC e Motorola, le altre aziende sul mercato (tranne Nokia che è rimasta fedele a Symbian e a Maemo) hanno proposto soluzioni Android. All’appello non poteva mancare LG.